Mia nonna e il tasto da premere a lungo

Quando hai scartato il tuo primo cellulare, ero davanti a te. L’hai preso in mano, a quasi ottant’anni, l’hai ruotato davanti agli occhi e l’hai appoggiato sul tavolino, in mezzo alla carta regalo, al biglietto, alle nostre mani che cercavano di mettere ordine. Lo guardavi come se, all’improvviso, potesse dar segni di vita lui, senza […]

L’eco di qualcosa che avevo dentro

Al telefono. – Hai visto? Alla fine esce con un editore importante. Sapevo che avrebbe fatto strada. Io punto sempre sui cavalli vincenti, mio caro. Raramente sbaglio. – Con me hai sbagliato, però. – Già. Peccato. Saremmo arrivati lontano lontano. – Non capisco perché tutti gli altri in cui credevi non hanno avuto anche l’onore […]